Aus den Kategorien Fremdsprachiges, Psychologie, Unverständliches !


Concentrazione contribuisce alla felicità

La felicità dipende se si è in grado di tenere sotto controllo i suoi pensieri. Questo è almeno il risultato di un nuovo studio, pubblicato in ‘Sience’ di 12 Novembre 2010. Due psicologi Daniel Gilbert e Matteo Killingsworth, dell’Università di Harvard ha intrapreso uno studio empirico utilizzando un’applicazione per iPhone ed è giunto alla conclusione che i nostri pensieri vagano in quasi il 47 per cento del tempo, piuttosto che concentrarsi su ciò che stiamo facendo. Questo sembra avere gravi conseguenze per il nostro essere emozionale. Killingworth aperto un sito web sul quale gli interessati possono partecipare come volontari allo studio. L’indagine è stata effettuata per mezzo di una applicazione web per iPhone. Sviluppato da Killingsworth per questo scopo sono stati raccolti al termine dei dati di 2250 volontari di età compresa tra 18-8 e valutati.
I partecipanti allo studio tramite e-mail più volte chiesto per la sua salute, cosa stanno facendo, come si sentono, sia che concentrarsi sul proprio lavoro o da qualche altra parte con l’idea, e la questione più importante – si sentono proprio felice. I risultati sono stati sorprendenti. Si è riscontrato che vagano nel mondo reale, l’idea ancor più che in condizioni di laboratorio. Anche se il pensiero vagava alla generale attività piacevoli o eventi, questo non significa che i soggetti del test avrebbe vinto lo ogni felicità aggiuntivi.
Nella successiva analisi trovato i due psicologi che la digressione del pensiero piuttosto la causa di infelicità piuttosto che il risultato è stato. A quanto pare, è importante per tenere insieme i pensieri e concentrarsi per sviluppare un senso di felicità. In altre parole, per vivere nel qui e ora, piuttosto che troppo con “cosa succede se ….” impiegare. Il centro di molti insegnamenti spirituali – vivere nel qui e ora. L’intenzione della meditazione, per esempio, per portare l’idea di riposare e focalizzare la luce, che si riflette poi in termini di efficienza, produttività, creatività e simili. A questo proposito i risultati di questo studio appaiono con il contenuto di molti insegnamenti spirituali sono coerenti. Lo studio ha anche mostrato che le persone sono più felici quando hanno sesso, coinvolti in attività di fitness o di sostenere una conversazione piacevole.
Purtroppo, la felicità si trova molto più difficile di quanto generalmente assunto. Gilbert, un professore di psicologia presso la Harvard University, descrive nel suo libro “Inciampare su Happiness” (titolo tedesco: “inciampare su Happiness”, Goldmann Verlag, 2008) la tendenza della gente non sa esattamente che cosa lo rende felice. Come risultato, si sforza per le cose che tendono ad avere l’effetto opposto e lo lasciano insoddisfatto. Conosci te stesso – un principio apparentemente facile, ma purtroppo di difficile applicazione nella realtà. I nostri desideri e le ambizioni sono sovrapposte nel tempo da tutte le possibili influenze, modificato e parzialmente interrato. Sulla base di questi fattori, si può produrre una visione che è troppo ottimista – la festa di compleanno non è mai buona come esso stesso si è dipinto – o troppo pessimisti – che non funziona in ogni caso – può essere.
La nostra capacità di ogni giorno con gli alti e bassi della vita può essere fatto, risultano essere un ostacolo. L’uomo ha la capacità di gestire gli eventi pericolosi o estremamente doloroso dal senno di poi, la situazione ritenuto perfettamente razionale, e quindi la capacità di elaborare questa esperienza e di lasciarsi alle spalle. Gilbert chiama il “sistema immunitario psicologico”. Tuttavia, questo sistema solo da una “soglia della sofferenza” certo è attivo. Come risultato, molti tendono a vissuto situazioni difficili o imbarazzanti esagerare e drammatizzare al fine di portare questo sistema immunitario utilizzato per elaborare l’evento più veloce per trovare in una cornice più felice della mente indietro e non nella fase di “Mio Dio è stato il “imbarazzante di rimanere.
Lo studio mostra anche che essa ha conseguenze dirette per la nostra felicità, quanto e dove i nostri pensieri vagano, e che quello delle attività che vengono esercitate. La capacità di riflessione sul passato e il futuro è in qualche misura è essenziale per la pianificazione e l’organizzazione, ed è stato a volte anche la sopravvivenza. Apparentemente, ma anche un prezzo alto da pagare spirituale, per questo, come spesso siamo noi stessi nel modo in ricerca della felicità.




Sorry, comments for this entry are closed at this time.

Diese Seiten sind Bestandteil der Domain www.stangl.eu

© Werner Stangl Linz 2019